Home / Prevenzione / Cancro alla vescica: campanelli d’allarme e diagnosi

Cancro alla vescica: campanelli d’allarme e diagnosi

Cancro alla vescica, campanelli d’allarme e diagnosi - Casa di Cura Villa Mafalda di RomaIl cancro alla vescica rappresenta una delle neoplasie più frequentemente riscontrabili negli uomini. La presenza di sangue nelle urine è un sintomo sospetto, ma vi sono anche altri segnali da non trascurare.

La parte interna della vescica, e in generale delle vie urinarie, è rivestita da tessuto epiteliale pluristratificato, chiamato urotelio. È da qui che, a partire da una lesione, origina il cancro alla vescica.

In una prima fase si tratta di lesioni superficiali, caratterizzate dalla coesistenza di diversi focolai. In seguito possono diventare più profonde e, quindi, pericolose: una volta intaccato lo strato muscolare della vescica, possono continuare a diffondersi (attraverso la via linfatica ed il circolo sanguigno) prima localmente, poi ai linfonodi, e raggiungere in seguito fegato, polmoni ed ossa.

CANCRO ALLA VESCICA: campanelli d’allarme

I sintomi correlati al cancro alla vescica possono essere comuni ad altre patologie che coinvolgono l’intero apparato urinario. Per questa ragione è fondamentale non sottovalutare alcuni segnali, primo fra tutti l’ematuria, e richiedere tempestivamente un consulto specialistico. Vediamo in maniera più dettagliata quale sintomatologia può manifestarsi:

  • Ematuria. Solitamente la presenza di sangue nelle urine si presenta nel 70% dei casi e rappresenta, come abbiamo già detto, il sintomo più comune. Le urine possono cambiare nel colore, variando dal rosso al rosa pallido (a seconda della quantità di sangue). In caso di micro-ematuria il colore delle urine non cambia di molto
  • Dolore e/o bruciore al momento della minzione
  • Difficoltà ad urinare e tenesmo vescicale. Questa condizione, caratterizzata dalla contrazione spasmodica (e in molti casi dolorosa) dello sfintere vescicale, porta il soggetto a sentire la necessità di urinare spesso. Tuttavia, in genere la minzione è parziale o addirittura non avviene affatto.
  • Dolore a livello pelvico
  • Infezioni. Il cancro alla vescica può facilitare la contrazione di infezioni urinarie

DIAGNOSI

Quando si manifesta l’ematuria e/o gli altri sintomi di cui abbiamo appena parlato, è sempre consigliabile rivolgersi ad uno specialista.  Gli esami diagnostici a cui potrebbe essere necessario sottoporsi sono:

  • Analisi di sangue ed urine. Sono necessarie per valutare l’eventuale presenza di sangue nelle urine e di un’infezione urinaria in atto. Il sedimento urinario e l’urinocoltura che si ottengono servono, inoltre, ad escludere che si possa trattare di patologie diverse
  • Citologia delle urine. Lo studio al microscopio delle urine serve ad evidenziare la presenza di cellule maligne
  • Urografia intravenosa. Lo studio radiografico, che consente l’osservazione dell’intero apparato urinario (uretra- vescica-reni), viene effettuato con mezzo di contrasto
  • Ecografia. L’esame consente di poter visualizzare le dimensioni della neoplasia. Allo stesso tempo è possibile verificare lo stato di salute di reni e fegato
  • Cistoscopia. Si tratta di un esame endoscopico che, visualizzando l’interno della vescica, permette di valutare le lesioni. Se necessario, durante la cistoscopia si può prelevare un piccolo campione di urotelio per l’esame istologico

Nel caso venga confermata la diagnosi di cancro alla vescica, lo specialista vi indicherà ulteriori esami da effettuare per raccogliere informazioni aggiuntive importanti:

  • Analisi del sangue. Sono necessarie per poter controllare il buon funzionamento dei reni
  • TCL’esame consente di conoscere l’estensione locale del tumore, e quella eventuale agli organi adiacenti alla vescica
  • Risonanza Magnetica. Nel caso la TC non abbia dato informazioni sufficienti riguardo l’estensione della neoplasia, può essere necessario effettuare una RM
  • Rx toracico. Serve ad escludere la presenza di metastasi ai polmoni
  • Scintigrafia ossea. È importante se c’è il sospetto che il tumore possa essersi diffuso alle ossa

 

Per ulteriori informazioni:

Casa di Cura “Villa Mafalda”
Via Monte delle Gioie, 5  –  00199 ROMA
Tel. 06.860941
email: direzione@villamafalda.com
www.villamafalda.com/departments/urologia

 

About blog1988

Leggi anche...

Cuore e salute, quali valori tenere sotto controllo - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma - Villa Mafalda Blog

Cuore e salute: quali valori tenere sotto controllo

Cuore e salute è un binomio imprescindibile, dato che questo muscolo involontario rappresenta il motore …