Home / Prevenzione / Tumore prostatico: l’importanza della visita urologica

Tumore prostatico: l’importanza della visita urologica

Tumore prostatico, l’importanza della visita urologica - Casa di Cura Privata Villa Mafalda di RomaNelle fasi iniziali il tumore prostatico non presenta sintomi specifici. Per questa ragione è fondamentale effettuare una visita urologica ogni anno a partire dai 45-50 anni. Non meno importante è conoscere i fattori di rischio, nonché i segnali d’allarme da non sottovalutare.

Il cancro alla prostata è una delle neoplasie maschili più facili da diagnosticare e da trattare, se individuato ad uno stadio precoce. La prostata è situata appena sotto la vescica, anteriormente al retto, ed avvolge l’uretra. È proprio la sua posizione a renderla palpabile durante l’esame rettale.

Questa ghiandola fibromuscolare a forma di castagna è preposta alla secrezione del liquido prostatico. Si tratta di uno dei componenti che costituiscono il liquido seminale e contiene, inoltre, quegli elementi necessari ad aumentare sia la motilità che la sopravvivenza degli spermatozoi.

TUMORE PROSTATICO: fattori di rischio

Come abbiamo già visto per altre neoplasie, esistono dei fattori che possono influire sul manifestarsi della malattia. Nel caso del cancro alla prostata, questo può essere legato a:

  • Età. Superati i 50 anni c’è un maggiore rischio di ammalarsi. Questo aumenta in modo proporzionale all’avanzare dell’età. Non a caso si stima che 2 uomini su 3 con questa diagnosi abbiano in media 65 anni; nel 70% dei casi si tratta di uomini che hanno addirittura superato gli 80
  • Familiarità. Se nella famiglia sono presenti parenti consanguinei affetti da cancro, il rischio diventa due volte maggiore
  • Tabagismo
  • Consumo eccessivo di alcool
  • Stile di vita. Adottare uno stile di vita sano è un’arma assai potente, e non solo quando si parla di tumori. Un’alimentazione troppo ricca di grassi saturi e al tempo stesso povera di frutta, verdura e cereali integrali, unita a sedentarietà ed obesità sono dei fattori di rischio da considerare
  • Fattore genetico. Le mutazioni di alcuni geni, quali gli ormai noti BRCA1 e BRCA2 (per il cancro mammario ed ovarico), o del gene HPC1, possono aumentare la probabilità di sviluppare il tumore prostatico

SINTOMI E CAMPANELLI DI ALLARME

In genere il tumore prostatico procede lentamente e non si diffonde al di fuori della prostata. Per questa ragione nelle fasi iniziali risulta asintomatico, in quanto presenta sintomi aspecifici, che possono essere legati anche all’età o ad esempio all’iperplasia (o ipertrofia) prostatica benigna.
Parliamo nello specifico di sintomi associati a disturbi della minzione, quali:

  • Urgenza e/o bisogno di urinare spesso
  • Difficoltà nell’atto di cominciare ad urinare
  • Dolore durante la minzione
  • Nicturia, ossia il bisogno continuo di urinare durante la notte
  • Sensazione di svuotamento incompleto della vescica
  • Senso di peso nella zona retto-vescicale

Nelle fasi più avanzate del tumore prostatico insieme ai sintomi sopra citati possono manifestarsi:

  • Ematuria, ossia la presenza di sangue nelle urine, o anche nel liquido seminale. Si tratta di un campanello di allarme che non deve essere sottovalutato
  • Ritenzione acuta delle urine
  • Dolori ossei
  • Coliche renali

DIAGNOSI

L’iniziale sintomatologia aspecifica associata a questa neoplasia suggerisce che non bisogna aspettare che si manifestino dei sintomi per consultare uno specialista.

Difatti, è essenziale effettuare una visita urologica con cadenza annuale a partire dai 45-50 anni. Se in famiglia esistono casi di tumore prostatico, è consigliato sottoporsi a controllo già a 40 anni.

Durante la visita urologica lo specialista procederà con l’esplorazione rettale. Questa consente di poter individuare l’eventuale presenza di noduli duri sulla superficie della ghiandola.
Su di un campione di sangue verrà poi eseguito il cosiddetto test del PSA (Prostate-Specific Antigen).

Nel caso il quadro clinico faccia sospettate una neoplasia, è necessario sottoporsi a biopsia prostatica transrettale o transperineale.

Nei casi dubbi, lo specialista consiglierà la Risonanza Magnetica Multiparametrica. L’esame risulta assai affidabile e viene utilizzato anche per il monitoraggio attivo di neoplasie prostatiche con bassa malignità.

 

Per ulteriori informazioni, presso la Casa di Cura Privata “Villa Mafalda” di Roma è presente il Reparto di Urologia

 

About blog1988

Leggi anche...

Preeclampsia, riconosciamo i sintomi - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma

Preeclampsia: riconosciamo i sintomi

La preeclampsia, più comunemente conosciuta come “gestosi”, è una delle patologie potenzialmente più gravi che …

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi