ArchivioIn EvidenzaPrevenzione

Bere in gravidanza, anche un solo bicchiere è dannoso

bere-in-gravidanza-i-rischi-per-il-bambino

Bere alcol in gravidanza è dannoso ma il 50% delle italiane continua a bere

Dal rischio di abortire a problemi, anche gravi, per il futuro nascituro: ecco una sintesi di ciò che può causare anche un solo bicchiere di alcol in gravidanza.

Nonostante ciò il 50% delle italiane in gravidanza beve almeno due bicchieri di alcol. Se facciamo riferimento alle percentuali di altri paesi come la Svezia (solo l’8%) il dato è preoccupante. Ciò è dovuto allo stile di vita e alla cultura del bere specifica del nostro paese (in Irlanda, dove il bere è ancora più usato, la percentuale è 82%).

I rischi possono essere molto gravi: dall’aumento del rischio di un aborto a malformazioni del feto. Ovviamente se si bene più di due bicchieri e con costanza l’allarme aumenta.

L’alcol interferisce con lo sviluppo del feto e crea problemi anche durante l’allattamento. Se si pensa che fa molto male bere anche prima dei 25 anni, quando il nostro cervello finisce di svilupparsi, e per questo si teme per l’effetto che ha sugli adolescenti si può capire quanto grave sia per un feto.

L’alcol è capace di oltrepassare la placenta e fornire al feto una concentrazione di alcol identica a quella della gestante. A differenza, però, di un adulto, il feto non ha gli enzimi necessari a metabolizzare l’alcol per cui subisce danni a livello cerebrale e sui tessuti in via di sviluppo (può quindi causare malformazioni). Interferisce anche sullo sviluppo intellettivo generando ritardo mentale e deficit cognitivo ed è alla base di gravi carenze vitaminiche.

Le donne incinte che bevono in media 3 o più bicchieri incorrono, inoltre, con più frequenza nella possibilità di aborto. Oppure, il nascituro può nascere prematuro e in questo caso avere sintomi o disturbi definiti alcolici sino ad arrivare alla sindrome conclamata feto-alcolica, irreversibile e spesso progressiva.

Il ruolo del medico curante

E’ estremamente importante che il medico curante o il ginecologo che segue la donna in gravidanza evidenzino bene questo rischio. Troppo spesso, soprattutto verso drink come il vino rosso, i medici di base tendono a non drammatizzare sulla questione. La credenza che un bicchiere di vino rosso non sia dannoso ma faccia addirittura bene alla salute diventa pericolosa in gravidanza.

Redazione Casa di Cura Villa Mafalda Blog