Home / Archivio / Intestino irritabile: diagnosi e consigli

Intestino irritabile: diagnosi e consigli

Intestino irritabile, diagnosi e consigli - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma - Villa Mafalda BlogIl cosiddetto intestino irritabile è un disordine funzionale che coinvolge colon e intestino tenue. Vediamo come si arriva alla diagnosi e alcuni consigli per poter gestire al meglio tale condizione.

La Sindrome del colon irritabile è un disturbo cronico, associato ad una alterazione della funzione intestinale. Data la sua cronicità, rappresenta una patologia con cui purtroppo bisogna imparare a convivere. Nella maggior parte dei casi, difatti, si ripercuote negativamente sulla qualità di vita di chi ne soffre, per questo è importante diagnosticarla per poi poter trovare, grazie all’aiuto di uno Specialista, la terapia più adeguata per tenere sotto controllo i sintomi.

SINTOMATOLOGIA DEL COLON IRRITABILE

Il sintomo principale con cui si presenta la Sindrome dell’intestino irritabile è il dolore/disagio addominale. Questo deve manifestarsi per almeno 12 settimane (anche non consecutive) negli ultimi 12 mesi. Inoltre, deve essere accompagnato da almeno altri due sintomi tra:

  • Dolore che si attenua dopo l’evacuazione
  • Variazione della frequenza delle evacuazioni
  • Variazione della consistenza delle feci

Generalmente in caso di intestino irritabile possono presentarsi altri sintomi, sia intestinali che non, come ad esempio:

  • Sensazione di malessere generale e irritabilità
  • Dolori muscolari
  • Difficoltà di concentrazione e cefalea
  • Alternanza di gonfiore e distensione addominale
  • Stipsi o diarrea. Quando le contrazioni muscolari diminuiscono o sono scoordinate, l’avanzamento delle feci rallenta, provocando la stipsi. Al contrario, quando le contrazioni intestinali risultano coordinate ma aumentano, le feci progrediscono così velocemente da provocare la diarrea
  • Frequenza anomala delle evacuazioni. Possono esserci più di 3 evacuazioni al giorno, ma anche meno di 3 in una settimana
  • Muco nelle feci

DIAGNOSI

Per poter stabilire la diagnosi è essenziale escludere altre patologie intestinali che possono manifestarsi con gli stessi sintomi. Per questo la visita comprende l’anamnesi del paziente e l’esame obiettivo dell’addome mediante palpazione. Lo Specialista potrebbe evidenziare la necessità di eseguire esami clinici e strumentali, quali:

  • Analisi del sangue:
    – emocromo; sideremia; transaminasi; glicemia ed emoglobina glicosilata; creatininemia; analisi degli ioni
    – VES; PCR; alfa1-glicoproteina acida. Tali parametri servono ad escludere malattie come il Morbo di Crohn o la rettocolite ulcerosa
    – dosaggio di paratormone e TSH. Sono utili per poter escludere patologie tiroidee come l’iperparatiroidismo, l’ipertiroidismo o l’ipotiroidismo
    – dosaggio degli anticorpi antigliadina e antiendomisio. Consentono di  valutare l’eventuale presenza di celiachia
  • Ecografia addominale. Quando è presente un dolore addominale, questo esame può evidenziare l’eventuale presenza di malattie che coinvolgono gli organi genitali (in particolare le ovaie) o di calcoli alla colecisti
  • Test alimentari. Sono utili per individuare possibili intolleranze e/o allergie alimentari
  • Analisi delle feci. Sono importanti per poter effettuare la ricerca di sangue occulto nelle feci o evidenziare la presenza di parassiti fecali e delle loro uova
  • Esplorazione rettale. Può essere effettuata nel caso vi sia sangue nelle feci o si manifesti incontinenza rettale
  • Manometria rettale. Si tratta di un esame complementare al precedente che consente di valutare sia la pressione che il funzionamento dello sfintere anale
  • Colonscopia. L’esame viene consigliato in caso:
    – i disturbi si manifestino in soggetti con più di 50 anni
    – il paziente abbia una familiarità per il tumore del colon
    – la sintomatologia comprenda: sangue, che può anche essere commisto alle feci; dimagrimento ingiustificato; diarrea che persiste senza arrestarsi nonostante la terapia
  • Clisma opaco. L’esame viene effettuato per poter escludere una diverticolosi colica

INTESTINO IRRITABILE: alcuni consigli

Quando si soffre di intestino irritabile è importante rivolgersi ad uno Specialista. Difatti, nonostante non esista una cura definitiva, è possibile tenere sotto controllo i sintomi mediante farmaci specifici ed alcuni consigli, quali:

  • Seguire una dieta sana ed equilibrata, variando gli alimenti il più possibile
  • Evitare gli eccessi e quegli alimenti che fermentano nell’intestino e/o rendono difficile la digestione
  • Non fumare
  • Limitare il consumo delle spezie
  • Evitare gli alcolici

Alcuni studi recenti hanno evidenziato come eliminare/limitare il consumo di alimenti ad alto contenuto di zuccheri FODMAP (Fermentable Oligosaccharides, Disaccharides, Monosaccharides And Polyols) possa avere effetti positivi sulla sintomatologia del colon irritabile.

 

Per maggiori informazioni:

Casa di Cura “Villa Mafalda”
Via Monte delle Gioie, 5  –  00199 ROMA
Tel. 06.860941
email: direzione@villamafalda.com
www.villamafalda.com/departments/nuova-divisione-endoscopica
www.villamafalda.com/departments/fisiopatologia-gastro-intestinale
www.villamafalda.com/departments/gastroenterologia

 

About blog1988

Leggi anche...

Ansia e paura sono strettamente intrecciate - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma - Villa Mafalda Blog

Ansia e paura sono strettamente intrecciate?

La Dott.ssa Maria Elena Raschi, Specialista in Psicologia presso “Villa Mafalda”, spiega in questo articolo …