Salute

Formicolio alla mano: potrebbe essere il tunnel carpale

Formicolio alla mano, potrebbe essere il tunnel carpale - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma - Villa Mafalda BlogUno dei sintomi tipici della Sindrome del tunnel carpale è rappresentato dal formicolio alle dita della mano. Vediamo con quali altri sintomi può manifestarsi questo tipo di problematica.

Il nervo mediano e i 9 tendini flessori, che vanno dall’avambraccio alla mano, passano attraverso il cosiddetto tunnel carpale.

Nel momento in cui questo nervo viene compresso o schiacciato, siamo in presenza di una neuropatia periferica chiamata Sindrome del tunnel carpale.

SINTOMATOLOGIA DEL TUNNEL CARPALE

In caso di Sindrome del tunnel carpale a uno stadio lieve i suoi sintomi tipici sono:

  • Formicolio alle dita della mano, in particolare a polliceindice e medio. Nonostante talvolta possa interessare l’anulare, in genere non coinvolge mai il mignolo
  • Sensazione di intorpidimento alle prime dita della mano

Nel tempo la patologia tende a peggiorare, manifestando altri sintomi, quali:

  • Riduzione (o in casi molto gravi persino perdita) di sensibilità a polliceindice e medio
  • Dolore, anche notturno
  • Debolezza della mano e delle dita
  • Difficoltà nell’afferrare e tenere in mano gli oggetti

DIAGNOSI E TRATTAMENTO

La diagnosi di Sindrome del tunnel carpale è clinica. Tuttavia, per poter evidenziare possibili cause associate alla compressione del nervo è necessario effettuare anche esami strumentali come ad esempio:

  • RX della mano
  • Elettromiografia. L’esame consente di poter valutare lo stato del nervo mediano e, pertanto, la sua capacità di conduzione

Quando la neuropatia è ad uno stadio lieve si procede con la cosiddetta terapia conservativa, che comprende:

  • Riposo
  • Utilizzo di un tutore per immobilizzare il polso in una posizione che possa diminuire la compressione sul nervo mediano
  • Antinfiammatori
  • Sedute fisiatriche (laserterapia, tecarterapia etc.)

Nei casi avanzati è necessario procedere con una neurolisi. Si tratta di un intervento chirurgico che può essere effettuato in anestesia locale. Nel post-operatorio il paziente dovrà indossare un tutore per almeno 15 giorni e seguire una terapia riabilitativa per coadiuvare la ripresa della manualità.

CAUSE

La compressione sul nervo mediano può avere diverse possibili cause, tra cui:

  • Tenosinovite, ossia un’infiammazione che provoca il rigonfiamento della guaina che riveste i tendini flessori
  • Fratture, soprattutto se mal consolidate
  • Lussazioni (o dislocazioni) articolari
  • Diabete
  • Malattie della tiroide
  • Artrosi
  • Artrite reumatoide

 

Per maggiori informazioni:

Casa di Cura “Villa Mafalda”
Via Monte delle Gioie, 5  –  00199 ROMA
Tel. 06.860941
email: direzione@villamafalda.com
www.villamafalda.com/departments/ortopedia-e-traumatologia
www.villamafalda.com/departments/elettromiografia